SIEC

SIEC - System Integrators Experience Community

» prassi

Servizi di integrazione dei sistemi audio, video e controlli (AVC) – Requisiti di progettazione, installazione, configurazione, taratura, programmazione e verifica tecnica
Pubblicata il 21 novembre 2013
ICS 03.080, 33.160.01

La prassi di riferimento è un documento che introduce prescrizioni tecniche o modelli applicativi settoriali di norme tecniche. È un documento para-normativo nazionale che va nella direzione auspicata di trasferimento dell’innovazione e di preparazione dei contesti di sviluppo per le future attività di normazione, fornendo una risposta tempestiva ai mercati in cambiamento.

La Prassi di riferimento Audio Video e Controllo (AVC) nasce per garantire alla committenza pubblica e privata, come ai professionisti che la servono, un efficace strumento atto a documentare l’idoneità degli operatori del settore AVC in merito alla adozione delle migliori tecniche progettuali e realizzative di impianti Audio Video e Controllo. Tali impianti sono destinati ai settori dell’ospitalità, residenziale, scuole e università, centri commerciali, centri congressi, edifici pubblici e privati, musei, teatri, luoghi di culto, nautica, trasporti pubblici.

Inoltre, la presente prassi di riferimento di applicazione volontaria permetterà alle organizzazioni che operano nello specifico settore realizzando impianti complessi e strutturati, di potersi distinguere dai semplici installatori di apparati.

Scarica il documento

Le seguenti aziende hanno aderito in modo volontario alla UNI/PdR 4:2013 impegnandosi, a garanzia della propria committenza, ad applicare e rispettare per le proprie realizzazioni le raccomandazioni ivi contenute:

3P Technologies Srl di Saonara (PD)
A&P Media Tech Srl di Zoppola (PN)
CM Srl di Novara
Conus Srl di Napoli
Durante SpA di Cormano (MI)
Essedi Srl di Milano
Meeting Project Srl di Merate (LC)
Mosaico Srl di Noventa di Piave (VE)
Pass Audio Video Srl di Torino
STS Engineering Srl di Gessate (MI)
Telesystems Professional Srl di Busto Arsizio (VA)

UNI/PdR 15:2015 Valutazione di conformità di parte terza alla UNI/PdR 4

Gli obiettivi per cui nasce la PdR sono raggiunti attraverso la certificazione del servizio di “progettazione, installazione, configurazione, taratura, programmazione e verifica tecnica” ai quali si aggiunge, naturalmente, la fase della manutenzione di tali impianti, nella sua completezza o per specifiche parti dello stesso. Tale certificazione sarà rilasciata da parte di Organismi di Certificazione accreditati dall’Ente Unico Nazionale di accreditamento ACCREDIA.

Gli Organismi di Certificazione di cui sopra hanno bisogno di precise linee guida e istruzioni dettagliate per poter valutare la conformità alla PdR da parte di un’azienda che intenda certificarsi. A tale scopo a giugno 2015 è stato costituito un nuovo tavolo di lavoro composto da specialisti di SIEC e di ACCREDIA con il compito di elaborare un documento che fornisca raccomandazioni per la valutazione di conformità di parte terza ai requisiti definiti nella UNI/PdR 4. Il Tavolo ha concluso i lavori il 4 settembre 2015 con l’approvazione del documento finale.

Dopo l’inchiesta pubblica il documento – UNI/PdR 15:2015 – è stato pubblicato sul sito UNI il 12 novembre 2015.

Scarica il documento

La certificazione

Grazie alla UNI/PdR 15 gli organismi di certificazione sono ora in grado di valutare la conformità dei servizi offerti da un’azienda alle raccomandazioni della UNI/PdR 4.

La prima certificazione è stata rilasciata l’11 ottobre 2016 da CERTIQUALITY alla STS Engineering Srl, una delle prime aziende che si era impegnata ad applicare e rispettare per le proprie realizzazioni le raccomandazioni della prassi UNI/PdR 4.

Scarica il certificato

Le nostre politiche sulla privacy garantiscono al 100% la sicurazza dei tuoi dati.

2010 © SIEC - Systems Integration Experience Community
privacy